Autotrasporto Controllo Pianificati e Rating a Rischio

Controlli più stringenti sull’autotrasporto. Sia su strada sia nelle sedi delle imprese, che verranno classificate in base al rischio di irregolarità e soggette a maggiori verifiche se il rischio è alto.

Per esempio, il superamento delle nove ore fissate come periodo di guida massimo giornaliero è considerato irregolarità minore se limitato a un’ora, grave se compreso tra una e due ore e molto grave se sfora le due ore. L’assenza di pause brevi è molto grave se si guida ininterrottamente per oltre sei ore. Il mancato rispetto dell’età minima dei conducenti è “solo” grave.

L’altra novità è quella presa dalla direttiva 2009/4, che prevede di aggiungere ai controlli su strada già previsti anche uno per scoprire se il cronotachigrafo viene truccato con dispositivi per distruggere, sopprimere, manipolare o alterare i dati o interferire nel collegamento tra cronotachigrafo e veicolo.

fonte: Sole24Ore